Marco Cosimi - miodottore.it

Malattia emorroidaria e sue cause: anatomia




Le attuali conoscenze sul sodio salicilato, la sua esperienza nell’ utilizzo alle più basse diluizoni (in veicolo idroglicerico) consente oggi di poter trattare in una visione tridimensionale, attraverso l’accesso dal gavacciolo emorroidario anche i rami venosi dilatati del plesso venoso emorroidario che è causa documentata della malattia emorroidaria stessa. Recenti ed autorevoli pubblicazioni hanno dimostrato inoltre che il salicilato di sodio oltre a produrre azione di fibrosi tessutale della parete venosa, produce anche una potente stimolazione delle cellule staminali e che gli effetti rigenerativi (e non obliterativi) che documentiamo sulle pareti venose sarebbero in gran parte dovuti a questa specifica azione. A tale proposito è da tempo in corso di studio la supplementazione del lipoaspirato con salicilato nelle colture di adipociti e nei lipofilling, così come anche in altre colture di linee cellulari. Le fasi di una guarigione per rigenerazione in un prolasso emorroidario Il sito aderisce ai principi dell’ HONcode. Tempi di guarigione per rigenerazione con salicilato di sodio in veicolo idroglicerico diluito a 0,030 gr./ml. per paziente con prolasso emorroidario della mucosa ano-rettale invaginato: Prima:


Dopo due settimana dall’infiltrazione rigenerativa ambulatoriale:


Dopo tre settimane dall’infiltrazione rigenerativa ambulatoriale. Retrazione dei gavaccioli emorroidari e delle varici ano-rettali (VAR):




Dopo quattro settimane dall’infiltrazione rigenerativa ambulatoriale. Graduale guarigione con retrazione emorroidaria, delle varici del plesso (VAR) e della mucosa soprastante alle emorroidi (prolasso mucoso):


Al trentesimo giorno di terapia rigenerativa di varici emorroidarie ed ano-rettali (VAR) e contemporanea rigenerazione della mucosa del prolasso emorroidario. Tutte le immagini documentali sono state effettuate dopo lunghi minuti di sforzi di ponzamento:



Trentadue giorni dopo l’inizio della terapia rigenerativa emorroidaria. Retrazione delle varici ano-rettali del plesso (VAR) e rigenerazione della mucosa prolassata. Conservazione delle vene emorroidarie. La flebo-terapia rigenerativa procede durante il secondo mese dall’infiltrazione ambulatoriale con obiettivo conservativo per le varici del plesso che si retraggono all’interno dell’ano e del retto, ricollocando e fissando all’interno la mucosa soprastante al piano di retrazione delle varici emorroidarie e della rete del plesso delle varici ano-rettali. Tali immagini documentano per la prima volta le fasi essenziali di una guarigione per rigenerazione locale dei tessuti patologici di un prolasso emorroidario. La procedura terapeutica si è imposta d’urgenza, avendo fatto seguito a precedente e documentato accesso nel Pronto Soccorso Universitario per la consulenza che l’urgenza poneva per invaginazione acuta (con impossibilità di ridurre il prolasso). Il paziente presenta dolore acuto continuo e resistente, con infarcimento emorragico iniziale della mucosa ano-rettale sofferente poichè invaginata e strozzata lungo tutta la sua circonferenza :



Per visualizzare immagini trattamento clicca qui.